fbpx

comunicazione / Public speaking: l’importanza di saper parlare in pubblico

  • Silvia
  • 0 Views
  • 0 Comment
  • marketing . persuasione . public speaking .

Quante volte ci è capitato di essere in difficoltà nell’esporre la presentazione del nostro lavoro ad un cliente?

E quante volte non siamo riusciti a convincere i colleghi della bontà delle nostre idee solo perché non le abbiamo espresse correttamente?

E soprattutto, quante volte abbiamo avuto l’impressione che il nostro talento e la nostra bravura non fossero adeguatamente riconosciuti a causa della nostra incapacità di comunicarli?

Sono solo alcune delle molteplici situazioni del nostro quotidiano in cui abbiamo dovuto fare i conti con il timore di parlare in pubblico. Infatti, il pubblico non è soltanto quello di un’ampia platea, ma spesso è costituito da quelle poche persone con cui dobbiamo relazionarci nell’ambito lavorativo, dai fornitori ai clienti, fino ai colleghi, con i quali talvolta la confidenza non è tale da permetterci di esporci senza inibizioni.

Inoltre, non è sufficiente la nostra perfetta preparazione rispetto ai contenuti da esporre per metterci nella condizione di dar vita ad una performance efficace: è fondamentale cosa diciamo, ma è altrettanto fondamentale il come lo diciamo.

Contano, infatti, il tono di voce, il ritmo, le pause del discorso. Questi aspetti sono parte integrante della comunicazione paraverbale, che incide per il 35% sull’efficacia della performance. Si tratta di un dato significativo, soprattutto se unito al 58% di incidenza che ha la comunicazione non verbale, intesa come la postura del corpo durante l’esposizione, i gesti, l’aspetto. Tutto ciò che non è contenuto determina nettamente la buona riuscita di un discorso pubblico.

A fronte di questi dati, risulta evidente come il linguaggio del corpo giochi un ruolo molto importante nell’arte del public speaking. Non solo perché trasmette un determinato insieme di messaggi, ma anche perché incide sulla percezione che abbiamo di noi stessi durante l’esposizione. Parlare con voce incerta ed un tono basso, assumere una postura ricurva e fissare lo sguardo nel vuoto, sono tutti atteggiamenti che accentuano la nostra insicurezza e il nostro timore. Viceversa, parlare chiaramente e con un tono di voce alto, nonché avere una postura aperta, stabile, guardando le persone negli occhi, permette di convincere il pubblico del valore del nostro discorso e noi stessi della nostra capacità di gestire la situazione.

Grazie ad un saggio uso delle parole unito a un linguaggio del corpo coerente con ciò che si sta dicendo, è possibile conquistare la fiducia del pubblico e in tal modo dar vita ad una performance convincente e memorabile. In particolare, i progetti, le opinioni, le idee che vengono presentati acquisiscono maggior valore se veicolati mediante una presentazione chiara, diretta e coinvolgente.

Ma come fare per migliorare la propria arte di parlare in pubblico?

Le regole d’oro per diventare abili di fronte ad una platea sono poche ma efficaci.

1) Studiare il pubblico

Comprendere le caratteristiche delle persone che avremo di fronte durante il nostro discorso è fondamentale per identificare il linguaggio da utilizzare (tecnico o più semplice? Formale o colloquiale?) e gli elementi su cui far leva per attirarne l’attenzione.

2) Familiarizzare con l’ambiente

Conoscere l’ambiente in cui si terrà il discorso è importante al fine di sentirsi a proprio agio e quindi sfruttarne a pieno gli spazi. Inoltre, è fondamentale per capire come modulare il tono della voce e come posizionarsi per far sì che tutte le persone presenti nel pubblico ascoltino e vedano al meglio.

3) Esercitarsi

Provare più volte il discorso, possibilmente di fronte ad uno specchio per osservare anche la comunicazione non verbale, aiuta a prendere confidenza con ciò che si dovrà dire e ad acquisire sicurezza rispetto alla propria esposizione.

4) Concentrarsi su ciò che si è scelto di dire

Talvolta l’ansia di parlare in pubblico si manifesta a causa della consapevolezza di non sapere tutto dell’argomento. In tal caso è importante ricordare non c’è la necessità di dire tutto: basta scegliere un aspetto dell’argomento e dirlo bene.

5) L’inizio e la fine del discorso

I momenti più importanti del discorso rispetto a cui prendere delle decisioni oculate sono l’inizio e la fine. Cominciare in maniera incisiva è importante per catturare l’attenzione del pubblico e interessarlo all’argomento. Per identificare il punto d’inizio corretto è necessario comprendere a fondo il livello di conoscenza del pubblico rispetto al tema trattato e quanto le persone sono già motivate all’ascolto. Per concludere, invece, è fondamentale l’emozione che viene suscitata nel pubblico: emozionare o lasciare una questione su cui riflettere, significa offrire alle persone il ricordo di un’esperienza d’ascolto significativa.

Ecco, quindi, perché acquisire e perfezionare sempre più l’arte di parlare in pubblico è un investimento utile per migliorare la nostra capacità di relazionarci con gli altri e comunicare loro il nostro valore. Infatti, si può essere tra i migliori e avere molto talento, ma non se ne accorgerà nessuno se non si è bravi a comunicarlo.