fbpx

comunicazione / Arriva ai tuoi clienti con più facilità: scopri il QR code!

  • Fabio
  • 0 Views
  • 0 Comment
  • comunicazione pubblicitaria . marketing . pubblicità . qrcode .

I QR code sono stati inventati circa un quarto di secolo fa, ma qualcuno ancora li conosce poco o non sa cosa siano.

Quell’insieme di piccoli quadratini, perlopiù neri, raggruppato in un quadrato più grande che compare su diverse superfici, dalle confezioni alle pagine pubblicitarie fino agli espositori nei negozi e in altri posti, è un particolare codice a barre che permette di memorizzare informazioni.

Queste informazioni, come ad esempio i contatti aziendali o l’indirizzo della sede, possono essere lette con uno smartphone. In questo modo, si rimanda a contenuti più approfonditi e si invita a compiere determinate azioni nell’immediato. Il nome “QR” infatti è l’abbreviazione di quick response, “risposta rapida”.

Con la vastissima diffusione degli smartphone, i QR code possono rivelarsi molto utili in diverse situazioni. In particolare, con i dovuti accorgimenti, possono essere un buon supporto nelle azioni di marketing.

È fondamentale, per iniziare a sfruttare questo sistema, avere contenuti online sufficientemente interessanti e mirati che ne giustifichino l’uso e che siano ben leggibili da mobile. È necessario, ad esempio, che il sito web che contiene la pagina di destinazione a cui rimanda il QR code sia responsive.

Inoltre, per spingere il cliente a scansionarlo, il QR code deve essere accompagnato da una didascalia che ne indichi chiaramente il contenuto o l’azione.

Una volta stabilita la destinazione per chi lo scansiona e comunicato correttamente l’uso, il QR code diventa una fonte aggiuntiva di informazioni che possono rafforzare il brand e facilitare alcune azioni nel rapporto B2B e B2C.

Un negozio di elettrodomestici, ad esempio, può usare il QR code per far scaricare direttamente il manuale di istruzioni di una lavatrice; un negozio di abbigliamento può far visitare direttamente la pagina dove compare una promozione particolare o le ultime tendenze moda, senza che il cliente abbia bisogno di consultare tutto il sito in cerca di tali informazioni.

In ambito aziendale il QR code può essere inserito nel biglietto da visita di un agente e permettere a chi lo inquadra di salvare nella propria rubrica i dati necessari per un prossimo contatto; in un catalogo, invece, il QR code in calce ad ogni prodotto potrà rimandare a schede informative più dettagliate o alla visione di un breve video dove il prodotto stesso è in uso.

Scopri un metodo per l’utilizzo del QR code!

Ecco quindi che il QR code diventa un collegamento utile, veloce e pratico tra l’offline e l’online, a patto però che si seguano piccole e semplici regole, come:

1) definire l’obiettivo che ha;

2) dare sempre informazioni valide che indichino cosa si trova scansionando;

3) se il QR code punta al sito, assicurarsi che quest’ultimo sia responsive.

Vuoi scoprire le altre regole?
Contattaci, sapremo consigliarti e costruire il QR code più utile alla tua attività.